Cibi freschi e mobili vintage, da Amblé la città cambia passo

Sembra un paradosso, ma il gusto vintage della moda si abbina bene alla passione bio per il cibo fresco e naturale. Per questo tre giovani creativi, Barbara (Fontani), Fabrizio (Bodini) e Lorenzo (Nardi), hanno deciso di realizzare un luogo fuori dagli schemi, che ha già fatto tendenza a Firenze, per mangiare, bere e pure per comprare mobili. Si chiama ‘amblé’, che nel linguaggio del dressage definisce il cambio di passo del cavallo, da veloce a lento. (clicca qui per vedere la video-intervista).

10-img_5021-2
Il locale, infatti, si trova a due passi da Ponte Vecchio, nella piazzetta dei Del Bene, in un angolo nascosto, vicino alla frenesia dei turisti, ma immerso nella tranquillità tipica delle corti cittadine. Mantenendo intatto il sapore autentico della bottega artigiana che c’era prima, amblé ha portato a Firenze una ventata di novità, definita proprio dal gusto retrò, tipico del modernariato, che lo caratterizza.
Mobili, piatti e bicchieri raccontano la storia di oggetti transitati dai mercatini delle pulci, mentre il cibo è fresco e di filiera corta. Il menù presenta una bella scelta di tramezzini, insalate e carpacci da personalizzare, oppure piatti unici originali, dove si uniscono gusto e sana alimentazione, con attenzione alle intolleranze e alle scelte alimentari etiche. Non a caso il simbolo del locale è un fenicottero, uccello dal colore rosa come il suo cibo, i gamberetti.

16-img_4706-2
In poche parole il messaggio è: siamo ciò che mangiamo. Anche le vie del bere sono infinite da amblé: dalle centrifughe di frutta fresca si passa ad una selezione di tisane e tè bio, latte di riso e soia, vini italiani, in particolare toscani, e superalcolici. I prezzi sono modici (piatto unico e bevuta hanno un prezzo medio di 12-15 euro) e il posto si presta alla pausa pranzo come alla cena o al dopocena. Un particolare: il menù va compilato e poi dal banco arriva la chiamata per ritirare ciò che è stato ordinato.
Il clima familiare di amblé si respira anche sabato e domenica, per il brunch, servito dalle 12 alle 16.
Visto che il ristorante è anche un negozio di mobili, come da protocollo ogni stagione porta un cambio e l’arredamento è in continuo movimento. I pezzi vintage sono esposti dappertutto, all’interno e all’esterno e, se vi innamorate della tazza dove state bevendo, o dello sgabello dove state sedendo, ve li potete tranquillamente comprare.
Aperto circa quattro anni fa, amblé ha già moltiplicato la sua presenza in tutta la città: al Mercato Centrale di San Lorenzo dove si possono acquistare i tramezzini di Fabrizio Bodini, dietro piazza della Libertà dove si trova lo spazio Officina, uno showroom con laboratorio di cucina per iniziative ed eventi
, e d’estate al piazzale Michelangelo con il chiosco Flower.
L’ultima cosa da segnalare è che l’unico accesso vietato da amblé è riservato alla plastica. Il materiale utilizzato, infatti, è tutto compostabile e riciclato.
Info: Piazzetta dei Del Bene 7/a, 50123 Firenze – Tel. +39 055 268528 – info@amble.it
Orari: da martedì a sabato  ore 10:00 – 00:00
domenica ore 12:00 – 00:00
chiuso il lunedì nella piazzetta ma aperto al Mercato Centrale

Nessun commento per "Cibi freschi e mobili vintage, da Amblé la città cambia passo"

    Scrivi un commento

    Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.