Alla nostra portata, per fare bene ciò che ci riesce meglio: bere, mangiare, scrivere.

Scrivere perché la scrittura è parte della nostra professione, bere e mangiare perché siamo riuscite a trasformare la passione in un lavoro. Questo, però, non vuole essere uno spazio lavorativo, ma privato, dove ci mettiamo dentro le cose che ci piacciono e magari ci togliamo qualche sassolino dalla scarpa.

Alla nostra portata perché il cibo e il vino hanno anche bisogno di leggerezza, ma non di superficialità, e perché devono essere alla portata di tutti.

E allora, qui, ci troverete i nostri appunti su vini, ristoranti, ricette e sulle cose che ci fanno ridere e stare bene.

Alla nostra portata “di Gennaro Napolitano”

Avrei potuto scrivere “dedicato a Gennaro”, ma non è così: Alla nostra portata “è di Gennaro”. È stato lui ad insistere, a spronarmi, con le buone, e certe volte anche con le cattive, affinché lavorassi a questo progetto per renderlo reale. Ed oggi, finalmente, è nato ciò che era il suo ed il mio desiderio, ed ora anche quello di Raffaella e di Marina. Gennaro, oltre ad essere stato un amico impareggiabile, è stato una guida per me e per le tante persone che hanno avuto la fortuna di averlo accanto, nel lavoro e nella vita privata.
Gennaro non ero soltanto un famoso maitre, e poi chef, Gennaro era cucina, era vino, era creatività senza fine, era enogastronomia quando è cultura, era dedizione continua, era una fiamma sempre ardente, era gentilezza, umanità e correttezza, era un sorriso affettuoso ed una risata travolgente.Tutto questo è te, ed è per te. Grazie Gen…

Noi tre

Roberta Perna

Sono cresciuta in una famiglia in cui il cibo ed il vino sono affari seri: senza vino a tavola non ci si siede ed il fritto ad agosto è cosa buona e giusta!
Chi mi conosce pensa che sia sicuramente più economico comprarmi un vestito in via Monte Napoleone, che portarmi a cena fuori. Nella vita ho fatto di questa passione – dipendenza il mio lavoro: sono socia di Studio Umami (www.studioumami.com) che si occupa di pubbliche relazioni, uffici stampa ed organizzazione di eventi enogastronomici. Sono giornalista pubblicista e collaboro con alcune testate di settore come Bargiornale, Ristoranti Imprese del Gusto e L’acquabuona.it.

E-mail: pr.enogastronomia@gmail.com

Raffaella Galamini

Sono una viterbese a Firenze. Sarà per le mie origini etrusche ma adoro la buona tavola e per me ogni occasione è buona per mangiare e bere con gli amici. Dopo anni trascorsi ad aprire quotidiani su e giù per l’Italia, da qualche anno mi sono avvicinata alla comunicazione enogastromica. Collaboro assiduamente con Puntarella Rossa. P.s. Per me il gelato artigianale non ha segreti.

E-mail: galaminiraffaella@gmail.com

Marina Ciancaglini

Fiorentina di nascita, mi divido tra Toscana e Umbria, quando non sono in giro per cantine. Mi occupo di comunicazione del vino e di organizzazione di eventi ma questa è solo una scusa per bere a volontà senza dare nell’occhio. Mi piace il pensiero che c’è dietro un vino ma, non sempre, mi piacciono i troppi pensieri che ci sono intorno a una bottiglia. Tendenzialmente atea, eccezion fatta per lo Champagne che venero in religiosa sete.

E-mail: marina.ciancaglini@gmail.com

Collaborano con noi

Silvia Fontana

Emiliana irrimediabilmente innamorata della Toscana.
Da classica “rezdòra”, ho raccolto le tradizioni culinarie e i segreti della nonna, poi… a un certo punto sono partita alla scoperta dell’universo di sapori che affiorava timidamente dal reame di Parmigiano, burro e strutto e ora non riesco a smettere di sperimentare ricette vegan, tanto da non aver mai cucinato lo stesso piatto per più di due volte.
Traggo molta ispirazione dalla cucina toscana povera, antica e locale, in cui dominano gli ingredienti semplici e vegetali.
Vivo con un piede in Toscana e uno in Emilia, dove gestisco un agriturismo “partorito” nella precedente carriera da architetto.

E-mail: architettosilviafontana@gmail.com

Marco Ghelfi

Nasco nel 1977 a Bologna, città che mi ha svezzato a tigelle, tortellini e Lucio Dalla marchiando irrimediabilmente il mio destino. Nel 2004 lascio l’amato ovile felsineo per valicare gli Appennini, direzione Firenze, dove seguo un Master in Marketing del Vino. Già, il vino, altra grande passione coltivata con impegno e sacrificio fra ristoranti e osterie, che con cibo prima e birra poi riesco con sommo gaudio a trasformare in lavoro. Nel 2006 nasce Studio Umami, con cui tutt’ora mi occupo di comunicazione ed organizzazione eventi di stampo rigorosamente enogastronomico, ambito che pratico anche come docente di corsi di degustazione. Dopo un po’ di esperienze fra stampa cartacea, guide e web, proseguo oggi l’attività di scribacchino con Fermento Birra Magazine, a cui affianco di tanto in tanto articoli per altri periodici di settore. Con la maglia del Bologna sette giorni su sette.

E-mail: ghelfima@gmail.com

Laura Tabegna

Mi sono laureata in giurisprudenza nel 2005 e dal 2012 sono giornalista professionista. In particolare mi occupo di cronaca e cultura a Firenze. Non sono esperta di enogastronomia, ma amo mangiare (soprattutto i dolci) e ho la fortuna di avere amici esperti del settore. In questo blog offro semplicemente un punto di vista esterno, di chi osserva con curiosità il mondo del cibo e tutte le sue stravaganze.

E-mail: lau.tab@libero.it

Deborah Corsi

Sono chef per caso, complice Cupido. Da un oblò della mia cucina vedo il mare che ispira la mia creatività. I miei  piatti allegri e colorati riflettono la mia sensibilità femminile e la passione per la pittura. Il pesce è protagonista principale a La Perla del Mare ma non trascuro i piatti di terra, attingendo alla tradizione  territoriale, nel rispetto di  stagionalità e materie prime. Non resisto al profumo del pane e ne sforno  varie tipologie, inoltre,  pur non essendo golosa, amo preparare i dolci.
Capricorno curiosa e tenace guardo sempre  avanti ma con l’occhio rivolto al passato e alle mie radici.

E-mail: info@laperladelmare.it

Foto di Massimo Pisati

Alessia Morabito

Chef, cuoca e cuciniera.
Mi trasferisco nel 2015 dalla “Maremma Amara” all’ “Emilia Paranoica” seguendo il sogno della food valley e della cultura trasversale.
Autodidatta, mi formo in cucine internazionali, punto d’incontro tra colleghi di disparate etnie che mi insegnano l’amore per le spezie e la tecnica del loro utilizzo.
Dalla Maremma imparo l’attitudine alla cultura gastronomica tradizionale, (compreso il raccolto e l’uso dei prodotti selvatici e l’uso di materiali desueti e tecniche antiche per la cottura) che parte dalle case delle vecchie massaie e dai loro racconti per attualizzarla con affetto e rispetto.
Curiosa, poliedrica e mai stanca in Emilia gestisco il mio tempo tra collaborazioni continuative e temporanee, consulenze, didattica e ricerca riuscendo a conciliare i bisogni e gli interessi professionali con la passione per la musica .

“You know that what you eat you are
we all know obladì obladà
but can you show me where you are?”
( Savoy Truffle, The Beatles, White Album)

E-mail: al_uccia2@yahoo.it

Alessio Brachi

Nasco a Firenze 31 primavere or sono ma vivo a Prato. Dopo aver trascorso la mia gioventù all’interno dei peggiori bar della città, assumendo bevande alquanto impensabili (oggi), mi avvicino al mondo del vino in maniera più significativa solo 4 anni fa, frequentando un corso per sommelier, con fare circospetto ed allo stesso tempo rapito.
La mia professione non ha niente a che vedere con l’onirico liquido, ma praticamente il mio tempo libero lo impiego nel migliore dei modi: calpesto le vigne in maniera assidua – come un clubber calpesta i locali notturni – cercando di apprendere il sapere di ogni vignaiolo. Amo risentire quei profumi all’interno del bicchiere che ogni luogo mi lascia stampato nella memoria.
Nel tempo libero, frequento ristoranti, osterie, trattorie, cercando di capire come funziona la ristorazione in Italia, ma diciamoci la verità, me piace magnà.
Amo in maniera viscerale la convivialità che si crea attorno ad un tavolo, con la giusta compagnia.

E-mail: alemanna2011@gmail.com

Gli incursori

Sono amici giornalisti, chef, pasticceri ed esperti di enogastronomia che, presi da un raptus travolgente di espressione letteraria, ci deliziano, qualche volta, con alcuni loro pezzi sui temi più disparati. Penne preziose che danno pepe in più al team di Alla nostra portata.