Zanzibar, ‘Profumo di cocco’ in Versilia

Se qualcuno mi chiedesse di descrivere in un’immagine la Versilia, sicuramente mi verrebbero in mente due istantanee. Nella prima ci sono i quadri di Moses Levy, il pittore della spiaggia felice al di là del molo, insieme alle tele di Lorenzo Viani, artista che amava ritrarre la darsena degli operai. Nella seconda immagine, invece, c’è un amico che viene bombardato con gavettoni di gin tonic vicino alla spiaggia. La Versilia è così. Arte e storia, spiaggia e mare, ma anche movida scatenata, scherzi e zingarate.

Per respirare un po’ di ‘Sapore di mare’ alla Vanzina, vi consigliamo un locale che vi farà immedesimare in un’atmosfera esotica. Allo Zanzibar, in viale Roma 22 a Marina di Pietrasanta, si respira l’odore del cocco mescolato al rum. La struttura è studiata come quella di una palafitta africana (5 stelle ovviamente) dove, quando esci, ti aspetti di trovare l’Oceano indiano.

Tutto l’arredamento è curato nel dettaglio con molta eleganza, per regalare agli ospiti la sensazione di trovarsi in un luogo fatto di legno, candele e fantasia, sul vascello del capitano Jack Sparrow.

I cocktail non sono da meno. In particolare consigliamo questo posto a chi piace il cocco, che viene servito direttamente con la noce. Prima si beve il drink dentro il guscio e poi il cocco viene spaccato e servito a pezzi per essere sgranocchiato.

Il locale è anche ristorante, i cui piatti forti sono la pentola del marinaio e il branzino in crosta. Lo Zanzibar, per il mio modesto parere, è un locale da provare, un luogo dove tutto può succedere. Magari riuscite pure a incontrare le famose ventitré mulatte che ‘danzan come matte’ sotto la luna verde di Maracaibo.

Info: Lo Zanzibar è anche stabilimento balneare. Gli orari per la cucina sono: tutti i giorni dalle 12,30 alle 15 e dalle  20 alle 23. Il pub apre alle 21,30 e, come da migliore tradizione versiliese, chiude a tarda notte. Indirizzo: viale Roma 22, Marina di Pietrasanta (Comune di Pietrasanta) – tel. 0584 21879.

author-avatar

Mi sono laureata in giurisprudenza nel 2005 e dal 2012 sono giornalista professionista. In particolare mi occupo di cronaca e cultura a Firenze. Non sono esperta di enogastronomia, ma amo mangiare (soprattutto i dolci) e ho la fortuna di avere amici esperti del settore. In questo blog offro semplicemente un punto di vista esterno, di chi osserva con curiosità il mondo del cibo e tutte le sue stravaganze.

Nessun commento per "Zanzibar, ‘Profumo di cocco’ in Versilia"

    Scrivi un commento

    Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.